Vivaticket map

Staffing allo stadio Dall'Ara, il racconto di un tifoso

Non solo security: i nostri steward si dedicano alla cura delle esigenze degli spettatori a 360°

Domenica 25 Novembre 2018 allo Stadio Dall'Ara di Bologna si è disputata Bologna Fiorentina.
Vivaevents organizzava il servizio di staffing allo stadio, come succede durante ogni partita casalinga. Nella mail che pubblichiamo di seguito il ringraziamento di Filippo, un tifoso del Bologna, che desideriamo condividere per sottolineare l'importanza del lavoro dei nostri steward che non solo contribuiscono alla sicurezza dei tifosi negli stadi, ma si prendono cura dei fan facendo attenzione ad ogni esigenza e bisogno.


"Buongiorno,


il mio nome è Filippo Agostini e, come tifoso del Bologna, Domenica scorsa stavo assistendo alla partita Bologna-Fiorentina allo stadio Dall’Ara assieme a mio figlio e mio padre (ahimè tifoso della Fiorentina…) nel settore G dei distinti laterali.
Vengo rapidamente al dunque: circa al 20° del primo tempo, mentre seguivo un’azione in direzione curva San Luca, sono stato energicamente chiamato da una persona della fila dietro la mia che mi segnalava che mio padre (74 anni, seduto in direzione curca Bulgarelli) si stava sentendo male; effettivamente era già privo di conoscenza, con occhi e bocca sbarrati e respirazione compromessa…
Ecco quindi il motivo di questa mia mail: sento la necessità di ringraziare tutti coloro che sono intervenuti dentro lo stadio nei concitati minuti successivi, nel dettaglio:


Lo steward posizionato sulla scala vicino ai nostri posti che ha immediatamente allertato i soccorsi;
I tifosi presenti nella nostra zona che mi hanno aiutato nel sorreggere mio padre e nel rimuoverlo dai seggiolini per permettergli di raggiungere la barella;
Tutti gli operatori della Croce Rossa intervenuti con estrema rapidità (credo entro un minuto dall’allarme inviato dallo steward) che, oltre a soccorrere mio padre, si sono anche preoccupati di darmi tutte le spiegazioni del caso;
Il responsabile degli stewards che, oltre ad assistermi in queste fasi concitate, si è anche preoccupato del corretto affidamento di mio figlio di 8 anni ad alcuni miei amici presenti allo stadio;
Ed infine, ma sicuramente primo per importanza senza che me ne vogliano gli altri, il medico della Croce Rossa (di cui purtroppo non conosco il nome) [...]: ora, a distanza di qualche giorno, è cosciente e sta recuperando in maniera più che soddisfacente.
Non sapendo quindi a chi rivolgere un enorme GRAZIE da parte mia e della mia famiglia ho pensato di mandarlo direttamente a voi, sperando che possiate farlo arrivare ai destinatari di cui sopra."

Notizie correlate